Come funziona il olio di CBD

Spiegazione di 5 idee sbagliate sull’olio di canapa

Spiegazione di 5 idee sbagliate sull’olio di canapa

C’è una crescente domanda di prodotti CBD, ma sembra che ci siano ancora idee sbagliate comuni sull’olio di canapa. Per risolvere questi problemi una volta per tutte, abbiamo deciso di farti conoscere i fatti e sfatare i 5 dei malintesi più comuni sull’olio di CBD.

  1. L’olio di CBD ti fa sballare

Di tutte le idee sbagliate sull’olio di canapa CBD, questa potrebbe essere una delle più comuni. C’è un grande gruppo di persone che crede che l’olio di CBD possa farli sballare. Sebbene ci siano prodotti a base di cannabinoidi che potrebbero causare un effetto psicoattivo, l’olio di canapa non può farlo.

Si ritiene infatti che l’ingrediente principale dell’olio di CBD, Cannabidiolo, CBD, contrasti lo sballo causato dal Tetraidrocannabinolo (THC). Esiste nella canapa, ma in concentrazioni così basse rispetto al cannabidiolo da non produrre euforia.

  1. Tutti gli oli di CBD sarebbero uguali

Un altro malinteso che sentiamo è che tutti gli oli di CBD sono uguali. Sebbene nulla possa essere più lontano dalla verità. C’è una differenza tra olio a spettro completo, olio ad ampio spettro e olio di CBD puro. Tutto l’olio di CBD venduto nel nostro negozio online è a spettro completo, il che significa che contiene tutti i cannabinoidi, i terpeni e altre sostanze importanti nella canapa.

L’ampia varietà di materie prime e processi disponibili per produrre olio di CBD può anche influire sulla qualità degli oli a spettro completo. Ciò ha a che fare con variabili come le varietà di canapa utilizzate, i metodi di coltivazione (biologici o meno) e il metodo di estrazione. E non dimentichiamo il trasporto, lo stoccaggio e la lavorazione degli estratti di canapa. Non tutti i produttori di olio di CBD meritano la certificazione ISO, poiché Dutch Natural Healing l’ha ricevuta nel 2020.

  1. L’olio di CBD sarebbe più efficace senza THC

Mentre l’olio di canapa a spettro completo contiene tutti i componenti che la canapa ha da offrire, il cosiddetto olio ad ampio spettro e l’olio di CBD puro non contengono tutti questi cannabinoidi e terpeni. In effetti, l’olio di CBD puro non contiene altro che CBD isolato e un olio vettore come l’olio di semi di canapa. Anche se può sembrare buono, in realtà non lo è, se consideriamo che anche gli altri composti attivi della canapa sono utili. Questo perché supportano ampiamente gli effetti del cannabidiolo sul sistema endocannabinoide del corpo (ECS). Questo è ciò che chiamiamo “effetto entourage”.

D’altra parte, l’ampio spettro si avvicina allo spettro completo, come suggerisce il nome. Quindi, oltre al cannabidiolo, l’ampio spettro contiene anche una varietà di terpeni e altri cannabinoidi. L’unica differenza rispetto all’olio a spettro completo è che non contiene tetraidrocannabinolo (THC). Nemmeno una goccia!

Mentre l’olio di CBD a spettro completo contiene un massimo dello 0,2% di THC, completamente in linea con la legislazione dell’UE. Ovviamente, questo non è sufficiente per provocare sballo, come abbiamo detto prima, ma è sufficiente per sostenere l’effetto entourage.

 

Poiché il THC manca sia nell’olio di canapa ad ampio spettro che in quello puro, non saranno mai così efficaci nel sostenere la tua salute come può esserlo un olio a spettro completo.

  1. Dosi più elevate di olio di CBD canapa sarebbero migliori

Mentre 6 gocce al giorno sarebbero sufficienti per il tuo amico, potresti aver bisogno di molto di più o forse un po’ meno per avere gli stessi effetti. Perché quando si tratta di dosaggio dell’olio di CBD, non esiste uno standard. Dopotutto, siamo tutti diversi e quindi reagiamo tutti in modo diverso agli integratori di cannabinoidi. Non è sempre necessario assumere alte dosi di cannabidiolo per ottenere il miglior effetto. Pertanto, ti suggeriamo sempre di iniziare con un po’ e aumentare la dose quando necessario. Ancora più importante, esortiamo gli utenti a essere coerenti con la loro assunzione e ad assicurarci che la somministrazione di olio di CBD diventi parte della loro routine quotidiana. Se dopo 10-14 giorni a una certa dose regolare, gli effetti non sono sufficienti, può essere utile o necessario aumentare la dose. Se non sei sicuro del dosaggio dell’olio di CBD, contattaci.

  1. Il CBD sarebbe illegale

La maggior parte dei paesi europei ha le proprie opinioni sulla legalità del cannabidiolo. Ad un certo punto, alcuni membri della Commissione europea (CE) hanno persino provato a chiamare l’olio di canapa un “narcotico”, il che avrebbe potuto avere conseguenze disastrose per utilizzatori e produttori in tutto il mondo. Recentemente, la Corte di giustizia dell’Unione europea (CGUE) ha stabilito che il CBD NON è una droga o un narcotico. Afferma che “non sembra avere effetti psicotropi o dannosi sulla salute umana”.

Fonte: https://dutchnaturalhealing.com

Back to list

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *