Come funziona il olio di CBD

Tutto ciò che devi sapere sulle interazioni dell’olio di CBD con i medicinali

Le sostanze come farmaci, tossine e integratori naturali, come l'olio di CBD, hanno bisogno della metabolizzazione per essere processate dall'organismo.

Non sai quali sono le interazioni dell’olio di CBD con i medicinali? Scopri le interazioni qui.

Interazioni dell’olio di CBD con i medicinali. Si consiglia di leggere le sostanze con cui l’olio di CBD potrebbe interagire se si stanno assumendo altri medicinali. Perché, sebbene sia impossibile ci sia una overdose di olio di CBD, le sostanze in esso contenute possono avere un impatto sul modo in cui il tuo corpo elabora determinati medicinali. A volte questo può avere conseguenze pericolose.

Nel prossimo articolo scoprirai l’olio di CBD e la sua possibile interazione con i farmaci.

Metabolizzazione dei farmaci

Le sostanze come farmaci, tossine e integratori naturali, come l’olio di CBD, hanno bisogno della metabolizzazione per essere processate dall’organismo.

In generale, questo processo ha due fasi. Nella fase I, una reazione rende la sostanza polare (solubile in acqua), se necessario. Ciò avviene mediante ossidazione, riduzione o idrolisi. Nella fase II, la sostanza è coniugata mediante l’acetilazione o metilazione. Ciò aumenta notevolmente la solubilità in acqua e la polarità del farmaco o della tossina. Che facilita l’escrezione della sostanza attraverso i reni e il ferro

Questo processo aiuta il corpo a scomporre la sostanza. La maggior parte dei farmaci viene metabolizzata dal fegato, ma anche altri organi possono essere coinvolti in questo processo, inclusi la pelle, il sistema digerente, i polmoni, il cervello e i reni.

Citocromo P450 – interazioni dell’olio di CBD

Uno dei sistemi dell’organismo responsabile del trattamento delle “sostanze estranee” è il sistema enzimatico del citocromo P450. Un gruppo di 57 diversi enzimi (noti anche come CYP, P450 o CYP450, di cui 15 utilizzati per la scomposizione delle sostanze). Questi includono alcuni farmaci e tossine, oltre a componenti naturali, tra cui CBD e altri cannabinoidi. Oltre al metabolismo di farmaci, tossine, sostanze naturali e altre sostanze estranee, questi enzimi sono coinvolti anche in processi fisiologici come l’ossidazione degli acidi grassi.

Va notato che ogni persona reagisce in modo diverso a una certa dose di medicinali o integratori naturali. Perché la capacità degli enzimi P450 varia da individuo a individuo. Ciò significa che la velocità con cui una sostanza viene scomposta ed escreta, influenza la sua concentrazione nel corpo. Pertanto, può avere un impatto su come influisce sul corpo.

Alcune sostanze naturali inibiscono la funzione dell’enzima CYP. Potrebbe aumentare anche la concentrazione di alcuni medicinali nel sangue. Ciò aumenta anche il rischio di effetti collaterali.

CBD e chemioterapia

Il cannabidiolo (CBD) è una delle sostanze naturali che inibisce gli enzimi P450. L’uso di alte dosi di CBD potrebbe influenzare la concentrazione di sostanze nel sangue.

Ad esempio, il CBD inibisce gli enzimi P450 per scomporre i farmaci citostatici, ovvero la maggior parte delle forme di chemioterapia. Pertanto, si consiglia di non utilizzare grandi quantità di olio di CBD durante la chemioterapia. Oppure, aggiustare la somministrazione del farmaco chemioterapico alla vostra assunzione di CBD dopo aver consultato il vostro medico.

Altri medicinali con cui il CBD può interagire

  •  Antiepilettici
  •  Antidepressivi
  •  Blocco beta
  •  Antipsicotici
  •  Benzodiazepine
  •  Statina
  •  Fluidificanti del sangue
  •  Steroidi
  •  FANS
  •  Antibiotici

Ovviamente, è sempre consigliabile discutere l’uso del CBD con il proprio medico, soprattutto quando si assumono altri medicinali.

Back to list

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *