Come funziona il olio di CBD

Cos’è il cannabidiolo o l’olio di CBD e quale sarebbe quello giusto per me?

Cosa e il Canbidiolo

Soffrite di ansia / depressione e attacchi di panico? Avete convulsioni o una malattia dallo spettro epilettico o forse dallo spettro dell’autismo? Avete dolore cronico o una malattia autoimmune (diabete, spondilite)? Soffrite di una condizione neurodegenerativa (Parkinson / Alzheimer / SLA)? Se avete risposto sì a una qualsiasi di queste domande, vi consigliamo di provare il cannabidiolo o l’olio di cannabis.

Il cannabidiolo è il secondo ingrediente attivo più comune che si trova nella pianta di cannabis. È un “cannabinoide”. I cannabinoidi interagiscono con un sistema di segnalazione elettrochimico presente nei vostri nervi chiamato “sistema endocannabinoide”. Mentre il vostro corpo produce cannabinoidi naturali (chiamati “endocannabinoidi”) che attivano questo sistema, il sistema dei recettori delle cellule nervose e le sostanze chimiche possono essere attivate anche dai “fito-cannabinoidi” nella cannabis, come il CBD o l’olio di cannabis.

Il cannabidiolo, o olio di cannabis, è studiato ma non è estremamente ben documentato; una ricerca nel database degli articoli medici di PudMed.com per “cannabidiolo” ha prodotto 2.688 risultati. Secondo una revisione del 2017 della National Academy of Sciences, “il cannabidiolo è stato isolato per la prima volta dall’olio di canapa nel 1940”.

Il cannabidiolo mi farà sentire “euforico”?

No. Il cannabidiolo non provoca l’aumento dell’umore o “l’euforia”. Di per sé, il CBD non vi farà sentire intossicato. Nell’Unione Europea, i prodotti a base di CBD che contengono meno dello 0,2% di THC sono perfettamente legali.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, “In generale, gli studi clinici hanno dimostrato che anche dosi elevate di CBD per via orale non causano quegli effetti caratteristici del THC e della cannabis ricca di THC. Ad esempio, in uno studio su volontari sani che hanno ricevuto 200 mg di CBD per via orale, il cannabidiolo non ha causato alcun danno alle prestazioni motorie o psicomotorie”.

I pazienti hanno riferito che il CBD ha un effetto calmante sull’umore, riducendo l’ansia e promuovendo un sentimento non euforico di calma e benessere.

Il cannabidiolo crea dipendenza?

Non. Secondo uno studio del 2017 dell’Organizzazione mondiale della sanità: “Negli esseri umani, il CBD non ha effetti che indichino il potenziale di abuso o dipendenza”.

A cosa serve il cannabidiolo?

Il CBD è utilizzato per molte condizioni. I pazienti riferiscono l’uso del CBD per alleviare il dolore, ridurre l’infiammazione, gestire l’ansia e ridurre convulsioni e spasmi muscolari. Numerosi studi preclinici e clinici hanno supportato i dati riportati dai pazienti. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha riferito nel 2017 che il CBD può svolgere un ruolo nel trattamento dell’epilessia, del morbo di Alzheimer, del danno cellulare dovuto al basso contenuto di ossigeno (ipossia) come durante ictus, cancro, psicosi, morbo di Parkinson, sclerosi multipla, malattia di Huntington, artrite reumatoide, infezioni, infiammazioni intestinali e morbo di Crohn, malattie cardiovascolari e complicanze diabetiche.

Si ritiene che l’ampia gamma di potenziali applicazioni del CBD derivi dalla sua azione sia sul sistema di segnalazione endocannabinoide sia sui sistemi di segnalazione non endocannabinoidi, che svolgono tutti un ruolo nella maggior parte delle funzioni del corpo umano.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha anche riferito che “la gamma di condizioni per le quali il CBD è stato valutato è varia ed è coerente con le sue proprietà neuroprotettive, antiepilettiche, ipossia-ischemia, ansiolitico, antipsicotico, analgesico, antinfiammatorio, antiasmatico e antitumorale”.

Il CBD potrebbe anche aiutare a trattare le dipendenze da cocaina, oppiacei e metanfetamine, secondo “un numero limitato di studi preclinici”, riferisce l’OMS.

Da dove proviene il cannabidiolo?

Il CBD può provenire da piante di cannabis con un’alta percentuale di CBD, così come dalla canapa, che è cugina della cannabis con applicazioni nell’industria alimentare, dei biocarburanti e delle fibre.

È importante conoscere la fonte del CBD perché, in generale, nessun ente di regolamentazione garantisce la purezza o la potenza della maggior parte dei prodotti CBD, specialmente quelli acquistati online. Gli Stati in cui l’uso di cannabis è legale spesso regolano la purezza e la potenza del CBD, richiedendo che tutti i prodotti siano testati da un laboratorio accreditato e poi etichettati.

Come posso trovare il cannabidiolo (CBD)?

Noi vi consigliamo i prodotti dei nostri partner olandesi, Dutch Natural Healing. La cannabis viene coltivata nei Paesi Bassi, dove viene anche estratta in rigorose condizioni di laboratorio.

Olio CBD 8% -10ml

Olio CBD 25% – 10ml

Soluzione CBDactive+ – 10ml (solubile in acqua, può essere vaporizzato / nebulizzato)

Come assumere il cannabidiolo?

Il CBD può essere assunto allo stesso modo di altri tipi di cannabis. Può essere fumato, vaporizzato, assunto per via sublinguale, mangiato o usato come crema. La maggior parte delle applicazioni cliniche prevede la somministrazione del farmaco per via orale in una soluzione chiamata “tintura”.

Qual è una dose di cannabidiolo? Posso superare la dosi di CBD?

L’OMS ha riferito: “In letteratura è stata riportata un’ampia gamma di dosi orali, la maggior parte delle quali va da 100-800 mg / giorno”.

Il dosaggio corretto per il CBD dipende in gran parte dalla persona che lo assume e dalle condizioni per cui viene assunto. Alcune persone potrebbero aver bisogno solo di una piccola quantità (ad esempio 5 mg / giorno), mentre altre potrebbero richiedere dosi molto più elevate (200 mg / giorno). Tuttavia, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha esaminato la sicurezza del CBD nel suo rapporto e ha scoperto che “non ci sono prove dell’uso ricreativo del CBD o di eventuali problemi di salute pubblica associati all’uso del CBD puro”.

Chi non dovrebbe usare il cannabidiolo?

Il CBD è considerato molto sicuro, ma potrebbe non essere adatto a tutti.

Coloro che usano il THC da un punto di vista medico potrebbero scoprire che il CBD riduce i suoi effetti. Se, ad esempio, usi il THC per curare la depressione, il CBD potrebbe interferire con questo beneficio. Alcuni pazienti hanno anche manifestato lievi effetti collaterali come ipotensione, secchezza della bocca, rallentamento psicomotorio, facilità e sedazione durante l’uso del CBD. Queste potrebbero essere ragioni per evitarlo.

Una revisione del 2017 sulla rivista Cannabis and Cannabinoid Research ha concluso che “gli effetti collaterali più comunemente riportati sono stati affaticamento, diarrea e variazioni di appetito / peso”.

Il CBD può anche causare interazioni negative con altri farmaci che un paziente potrebbe assumere. Secondo la revisione dell’OMS, “il CBD è generalmente ben tollerato, con un buon profilo di sicurezza. Gli effetti avversi segnalati possono essere il risultato di interazioni farmacologiche tra CBD e farmaci esistenti dei pazienti”.

Puoi leggere lo studio completo dell’Organizzazione mondiale della sanità qui.

http://www.who.int/medicines/access/controlled-substances/5.2_CBD.pdf

Back to list

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.