Come funziona il olio di CBD

CBD per l’autismo: come l’olio di canapa può aiutare a trattare il DSA

CBD per l'autismo

CBD per l’autismo. L’autismo è un disturbo difficile da trattare, le cause possono essere molteplici e i sintomi possono essere anche essi diversi. Molti pazienti (ei loro genitori) sono alla disperata ricerca di un trattamento efficace, poiché il disturbo dello spettro autistico (DSA) ha un impatto significativo sul comportamento sociale e sulla comunicazione. La ricerca ora mostra che l’olio di CBD potrebbe ridurre i sintomi di vari disturbi dello spettro autistico.

Disturbo dello spettro autistico (DSA)

La TSA è un disturbo difficile da trattare e, in una certa misura, ciò è correlato al fatto che può avere molte cause diverse. Questo disturbo è associato a fattori sia genetici che esterni. Questi possono includere, ma non sono limitati a, alcune infezioni durante la gravidanza, tossine utilizzate (alcol e altri farmaci), pesticidi, inquinamento atmosferico e malattie autoimmuni.

Pertanto, i sintomi della “malattia” possono variare notevolmente. In effetti, il termine “spettro” nel nome si riferisce alla vasta gamma di sintomi e gravità che i pazienti possono sperimentare. Tuttavia, in generale, l’autismo è caratterizzato da disturbi della comunicazione, comportamento sociale deviante, mobilità limitata o movimenti ripetuti. Il disturbo inizia nella prima infanzia, viene spesso scoperto nel primo anno di vita e la maggior parte dei pazienti (gravi) sono bambini. Fortunatamente, un trattamento precoce e appropriato potrebbe avere benefici per lo sviluppo del bambino.

Inibizione degli stimoli cerebrali

I sintomi di vari disturbi dello spettro autistico spesso hanno origine nel cervello e la maggior parte di essi sono causati da una bassa inibizione dei segnali nel cervello. Quando questi segnali dal cervello non sono adeguatamente attenuati, è possibile arrivare ad un cervello sovraeccitato. Questo potrebbe essere espresso come un’ipersensibilità alla luce, al suono, agli odori e al tatto. Ciò potrebbe indurre i pazienti a reagire in modo indesiderato, con aggressività (fisica) o altre emozioni estreme. In circa il 25% dei casi di DSA, il cervello diventa così sovrastimolato che può persino provocare crisi epilettiche convulsioni.

Di conseguenza, gli scienziati si stanno concentrando sull’inibizione degli stimoli cerebrali per ridurre questi sintomi e trattare il disturbo. I ricercatori della Stanford University lo hanno testato su topi, che sono stati modificati per mostrare sintomi simili all’autismo. Utilizzando le luci optogenetiche (una tecnica biologica che prevede l’uso della luce per controllare i neuroni), gli scienziati sono stati quindi in grado di aumentare la funzione inibitoria del cervello, che ha notevolmente contribuito a ridurre i sintomi dell’autismo. Sfortunatamente, questa tecnica non funziona per le persone.

Studi su CBD e autismo (CBD per l’autismo )

Un altro gruppo di scienziati dell’Università di Washington ha cercato di ottenere gli stessi risultati utilizzando un trattamento diverso: il cannabidiolo (CBD). Questo è uno dei cannabinoidi più conosciuti che si trovano nelle piante di canapa. È l’ingrediente principale dell’olio di CBD Natural Healing di alta qualità. Questo prodotto sta guadagnando slancio nella comunità medica a causa dei suoi numerosi possibili usi medici. Uno dei più importanti secondo gli scienziati è l’efficacia del CBD come possibile trattamento per la sindrome di Dravet, una forma grave di epilessia nei bambini.

 

Dato che l’epilessia e l’autismo hanno a che fare con una limitata inibizione degli stimoli cerebrali e che i pazienti con autismo possono anche avere convulsioni, ha senso indagare se l’olio di CBD ha gli stessi effetti positivi sull’autismo. La maggior parte delle prove degli effetti del CBD sull’autismo è solo sperimentale e c’è solo uno studio clinico, completato nel 2019, su cui possiamo fare affidamento.

CBD e sintomi correlati all’autismo (CBD per l’autismo )

I ricercatori di Washington hanno utilizzato il modello animale della sindrome di Dravet per studiare gli effetti dell’olio di CBD sui sintomi simili all’autismo. Sebbene i roditori possano avere attacchi e comportamenti legati all’autismo proprio come gli esseri umani, umani e topi sono ancora diversi. Quindi, per poter fare i confronti corretti e trarre conclusioni valide, è stato necessario organizzare alcune situazioni.

Una di queste situazioni ha costretto un mouse a scegliere se interagire con un altro mouse o un oggetto. I topi normalmente preferirebbero trascorrere del tempo con altri topi, ma quelli con tratti autistici (come Dravet) vorrebbero trascorrere del tempo con l’oggetto e anche con un altro topo. Quando trattati con una dose bassa di CBD (circa un decimo della dose antiepilettica), i ricercatori hanno riportato un aumento del tempo trascorso con l’altro topo.

Gli effetti dell’olio di CBD sull’autismo ( CBD per l’autismo )

I topi autistici erano predisposti a evitare l’interazione sociale e si nascondevano in un angolo. Gli scienziati affermano che questa reazione deriva dall’ansia sociale, causata da eccessivi stimoli sociali. Usando il cannabidiolo nella canapa, questo comportamento è diminuito. D’altra parte, gli animali hanno mostrato un aumento della qualità della loro interazione sociale.

In breve, questo dimostra che il CBD ha migliorato la situazione. Va notato, tuttavia, che questo è stato uno studio sui topi e i risultati di uno studio sugli esseri umani potrebbero non essere gli stessi. Questo nonostante il fatto che Internet sia pieno di prove sperimentali dell’efficacia dell’olio di CBD nel trattamento dei bambini con autismo.

Registrando i segnali elettrici dal cervello dei roditori nello studio, gli scienziati sono stati in grado di capire come funziona il CBD in un cervello autistico. Apparentemente, il CBD blocca il recettore GPR55, che in risposta aumenta la funzione inibitoria delle cellule cerebrali e ripristina l’equilibrio nel cervello. Poiché questo recettore è responsabile della comunicazione tra le cellule cerebrali, si ritiene che sia uno dei motivi principali dell’efficacia dell’olio di CBD nel trattamento dei sintomi legati all’autismo, all’infiammazione e al dolore (cronico), tra le altre condizioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *