Come funziona il olio di CBD

CBD e fibromialgia: come l’olio di canapa potrebbe aiutare a trattare i sintomi

cbd-fibromialgia-aiutare-sintomi

CBD e fibromialgia: come l’olio di canapa potrebbe aiutare a trattare i sintomi

I pazienti con fibromialgia hanno spesso difficoltà a trattare la loro condizione e ad alleviare i sintomi di questa malattia. Ciò è dovuto all’estrema complessità della malattia e all’ampia varietà di possibili sintomi. Tuttavia, gli scienziati ritengono di aver trovato un possibile trattamento: i cannabinoidi vegetali, come il CBD, potrebbero aiutare a combattere i sintomi legati alla fibromialgia. La ricerca clinica è rara, ma ecco cosa sappiamo ora sui prodotti CBD e fibromialgia.

Cos’è la fibromialgia?

La fibromialgia è una condizione cronica caratterizzata da dolore costante in tutto il corpo e una maggiore risposta del dolore alla pressione. La maggior parte dei pazienti presenta anche rigidità muscolare, grave affaticamento, problemi di sonno e problemi di memoria. Altri sintomi comuni della fibromialgia possono includere problemi digestivi, deterioramento cognitivo, depressione, ansia, sindrome delle gambe senza riposo, intorpidimento o formicolio e in alcuni casi anche sensibilità alla luce, al suono e alla temperatura.

Di conseguenza, la fibromialgia non è come qualsiasi altro disturbo del dolore cronico, soprattutto a causa del gran numero di possibili sintomi. Per molto tempo è rimasta poco chiara quale fosse la vera causa della fibromialgia, che ha portato a estrema frustrazione per le persone che convivono con questa condizione. Fortunatamente, gli scienziati stanno ora iniziando a capire sempre di più sulla causa e l’evoluzione della fibromialgia.

Carenze nel sistema endocannabinoide: possibile causa

La vera causa della malattia rimane poco chiara, ma si ritiene che sia una combinazione di fattori, sia genetici che ambientali. Quindi, oltre al fatto che potrebbe provenire dalla famiglia, potrebbe anche essere causato da fattori ambientali, come stress psicologico, traumi e infezioni. Qualunque sia la causa, in generale, i sintomi sono il risultato di processi (distorti) nel sistema nervoso centrale. Questa è la rete di comunicazione del nostro corpo nota come sistema endocannabinoide (ECS).

Di conseguenza, ora ci sono scienziati che credono che la fibromialgia sia causata principalmente da una carenza clinica di endocannabinoidi. Uno di questi scienziati è il famoso neurologo e ricercatore sulla cannabis, il dottor Ethan Russo. Ha scoperto che un disturbo dei neurotrasmettitori del corpo – endocannabinoidi – potrebbe essere la causa dei sintomi della fibromialgia, così come l’emicrania, la sindrome dell’intestino irritabile (IBS) e altre condizioni.

In generale, il nostro corpo dovrebbe produrre una quantità sufficiente di tali sostanze per essere in grado di bilanciare tutti i processi essenziali per la nostra sopravvivenza. Questo equilibrio è chiamato “omeostasi” e include processi corporei come dolore, fame, temperatura, mobilità e risposte emotive. Quindi, quando questo sistema viene distorto e l’equilibrio viene perso, la salute si deteriora. Questo può essere visto da mancanza di sonno, aumento dei livelli di ansia e stress o dolore (cronico), ad esempio, tutti i sintomi associati alla fibromialgia.

CBD contro la fibromialgia?

La teoria che la fibromialgia sia causata da un deficit clinico di endocannabinoidi è supportata anche da una revisione dello studio – condotta da altri due scienziati dieci anni dopo la pubblicazione iniziale del Dr. Ethan Russo. Come hanno concluso Steel Clarke Smith e Mark S. Wagner: “Ulteriori ricerche hanno confermato che le carenze endocannabinoidi sottostanti svolgono un ruolo nell’emicrania, nella fibromialgia, nella sindrome dell’intestino irritabile e in un elenco crescente di altre condizioni. L’esperienza clinica lo conferma “. Inoltre, il dottor Ethan ha già presentato prove che suggeriscono che questi cannabinoidi possono bloccare alcuni meccanismi (colonna vertebrale, periferico e gastrointestinale) che promuovono il dolore nella fibromialgia – insieme alle altre condizioni sopra menzionate.

Ciò suggerisce anche che gli integratori di cannabinoidi a base di erbe, come il cannabidiolo (CBD), potrebbero avere un impatto positivo sui sintomi e sulle cause della fibromialgia.

Un sondaggio completo della National Pain Foundation statunitense mostra come i cannabinoidi possano essere più efficaci contro la fibromialgia rispetto ai farmaci. Per il 62% dei partecipanti, il trattamento con cannabinoidi della fibromialgia è “molto efficace” e il 33% afferma che è “piuttosto efficace”. E questo rende la fibromialgia una delle malattie che potrebbero essere curate meglio con i cannabinoidi che con i farmaci.

Prodotti di canapa per la fibromialgia

Se soffri di fibromialgia, c’è la possibilità che gli integratori di canapa ricchi di cannabinoidi possano lenire i tuoi sintomi. Tuttavia, non garantiamo che i prodotti CBD di alta qualità ti saranno utili. Ma dalla nostra esperienza e dal feedback che riceviamo dai nostri clienti, ci sono due prodotti CBD che consigliamo quando si cerca di ridurre i sintomi legati alla fibromialgia con la canapa

CBDactive + PURE per la fibromialgia

Probabilmente non riuscirai a trattare i sintomi della fibromialgia usando solo olio di CBD, perché come abbiamo detto non è una condizione facile da trattare. Pertanto, ti suggeriamo di provare CBDactive + PURE. Questo prodotto CBD a spettro completo solubile in acqua viene spesso utilizzato per problemi gravi, tra cui forti dolori cronici causati da lesioni o danni ai nervi, ad esempio.

Questo prodotto è sviluppato in modo che i principi attivi siano assorbiti meglio dall’organismo. La sua efficacia è circa 10 volte superiore a quella dei normali oli di CBD. CBDactive + PURE può aiutare a bilanciare il tuo sistema endocannabinoide e quindi potrebbe aiutare ad alleviare i sintomi legati alla fibromialgia. Compresi sintomi come gambe senza riposo, depressione, ansia e problemi digestivi. Ma questo prodotto potrebbe non essere sempre sufficiente per combattere il dolore, la rigidità muscolare e i problemi di sonno di cui soffre la maggior parte dei pazienti.

Cerotti al CBD per il dolore e il sonno

Per questi eventi, potresti ottenere risultati migliori con i nostri cerotti al CBD. Gli utilizzatori con sintomi di fibromialgia ci danno il miglior feedback su questo prodotto.

Tieni presente che in nessuna circostanza crediamo che il CBD possa curare la fibromialgia. I cerotti al CBD potrebbero aiutare a ridurre la rigidità muscolare, il dolore e l’insonnia che spesso i pazienti sperimentano. Aiutando a ridurre questi sintomi, gli utilizzatori potrebbero sperimentare un certo livello di riposo e “gioia di vivere”.

Fonte: https://dutchnaturalhealing.com

Back to list

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.