Come funziona il olio di CBD

Abituarsi alla canapa: si può sviluppare una tolleranza (inversa) per l’olio di CBD?

tolleranza abituarsi a l'olio di cbd

L’olio di canapa è un prodotto popolare e naturale ampiamente utilizzato negli sforzi per lenire una varietà di disturbi fisici e mentali. Tuttavia, gli utenti inesperti potrebbero avere domande sull’ingrediente principale, il cannabidiolo (CBD). Una delle preoccupazioni che sentiamo più spesso è che gli utenti possano sviluppare una tolleranza per l’olio di CBD. Se guardiamo alla ricerca, può accadere l’esatto contrario.

Tolleranza per alcune sostanze

Stiamo parlando di tolleranza quando il corpo si abitua a una certa sostanza, a causa di un uso regolare a lungo termine e dell’uso regolare. La maggior parte delle persone sviluppa queste tolleranze. Questo è qualcosa che devi tenere a mente, soprattutto quando usi farmaci potenti, come alcuni antidolorifici. Il rischio di sviluppare tolleranza a questi farmaci è alto e può persino portare alla dipendenza, con tutte le sue conseguenze.

Il cannabidiolo (CBD), come molti farmaci, è ampiamente utilizzato negli sforzi per lenire e trattare una varietà di disturbi, dal dolore fisico al disagio mentale, o per migliorare il benessere generale di milioni di persone in tutto il mondo. Le persone che hanno provato a trattare i loro disturbi con farmaci regolari e hanno fallito o potrebbero non essere state soddisfatte degli effetti collaterali e / o della possibilità di sviluppare una tolleranza vogliono conoscere il CBD.

Ricerca sulla tolleranza al CBD

La ricerca sul CBD è relativamente rara, ma ci sono pochi dati scientifici disponibili sulla sicurezza dell’uso del cannabidiolo. Uno studio brasiliano del 2011 mostra che: “Durante uno studio sulla CBD umana, è stato scoperto che l’uso della sostanza non fornisce effetti collaterali. La tolleranza al CBD non è aumentata. ” Lo studio afferma che l’uso acuto, ma anche l’uso cronico del cannabidiolo, non ha portato ad una maggiore tolleranza per esso.

Tolleranza inversa per il CBD

In effetti, se guardiamo un po’ oltre, potrebbe essere il contrario. I ricercatori, che hanno analizzato 132 studi sul CBD nel 2017, hanno concluso che “le funzioni psicologiche e psicomotorie non sono state influenzate negativamente”. Lo stesso vale per il funzionamento dell’apparato digerente e la fame, secondo gli autori dello studio. “L’uso cronico e dosi elevate fino a 1500 mg al giorno hanno dimostrato di essere ben tollerati dagli esseri umani”, affermano gli autori.

Sorprendentemente, questi ricercatori hanno anche scoperto la possibilità di costruire una tolleranza inversa per il CBD. Ciò significa che invece di aver bisogno di più sostanza per gli stessi effetti, diventi più sensibile ad essa. Qualcosa che si è dimostrato impossibile con l’uso di un altro cannabinoide: il tetraidrocannabinolo (THC), che si lega direttamente ai recettori del nostro sistema endocannabinoide (ECS).

Di conseguenza, questa è una delle ragioni per cui gli scienziati ritengono che questo cannabinoide, il cannabidiolo, non possa causare tolleranza nel corpo. Dopotutto, il CBD non si lega a questi recettori allo stesso modo del THC. Infatti, a differenza del THC, il CBD è noto per stimolare l’attività di questi recettori per migliorare il modo in cui il nostro corpo elabora le sostanze di segnalazione. In questo modo, l’uso dell’olio di CBD potrebbe portare ad una maggiore sensibilità a questi neurotrasmettitori, con una “tolleranza inversa” per l’ingrediente. Significa che, dopo un po’, potresti aver bisogno di meno per ottenere gli stessi effetti di prima.

Diminuire la tolleranza accumulata

Questo non significa necessariamente che questo sia vero anche nel tuo caso. Nonostante il fatto che non l’abbiamo ancora trovato in nessuna ricerca, ciò non significa che sia impossibile per alcune persone sviluppare la tolleranza per l’olio di canapa. Inoltre, ogni persona reagisce in modo diverso ai cannabinoidi, a causa della nostra composizione biochimica unica.

Quindi, quando pensi di aver sviluppato una tolleranza per l’olio di CBD, ti consigliamo di prenderti una breve pausa. Spesso è sufficiente non usare l’olio di canapa per 48 ore, fino a una settimana, perché il corpo si “ripristini”. Questa è anche la nostra raccomandazione quando pensi che l’olio di CBD non funzioni o non ti aiuti affatto.

Fonte: https://dutchnaturalhealing.com

 

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *